benessere_organizzativo_WHP

La promozione del benessere organizzativo

In una realtà sempre più interconnessa e alle porte della rivoluzione dell’industria 4.0, diventa sempre più evidente che il successo di un’organizzazione deriva dal proprio team di lavoro. La capacità delle persone di essere creativi, interconnessi e di adattarsi al cambiamento è diventata parte essenziale della creazione del proprio vantaggio competitivo. Se le performance aziendali dipendono così strettamente dal valore delle persone, diventa necessario creare un ambiente all’interno del quale la propria squadra sappia tirar fuori il meglio di sé. Per questo motivo, già dalla metà del secolo scorso l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha iniziato a parlare di benessere organizzativo, che può essere definito come “la capacità di un’organizzazione di promuovere e mantenere il più alto grado di benessere fisico, psicologico e sociale dei lavoratori in ogni tipo di occupazione” (Avallone e Bonaretti, Benessere Organizzativo, 2003).

 I vantaggi del Workplace Health Promotion di Regione Lombardia

Il benessere organizzativo è il primo elemento che influenza efficacia, efficienza, produttività e sviluppo di una struttura e per questo motivo deve essere considerato di primaria importanza all’interno dell’organizzazione.

Uno strumento a servizio del miglioramento del benessere organizzativo è sicuramente la promozione della sicurezza sul luogo di lavoro (Workplace Health Promotion o WHP), attività promossa da Regione Lombardia, che consiste in “un impegno da parte delle aziende nella costruzione di opportunità per migliorare la salute dei propri lavoratori riducendo i fattori di rischio generali e in particolare quelli maggiormente implicati nella genesi delle malattie croniche”.

L’impegno nel favorire le pratiche WHP, dà vantaggi sia ai lavoratori che alle aziende; si pensi che per ogni euro investito nella promozione della sicurezza sul luogo di lavoro si ottiene un rendimento compreso tra 2,5 e 4,8 euro per la riduzione dei costi legati al tasso di assenteismo. Questo è solamente uno dei vantaggi, infatti, sempre secondo le ricerche di Regione Lombardia, le pratiche WHP accrescono la produttività, facilitano le assunzioni, riducono il ricambio di personale, aumentano la motivazione, generando una riduzione complessiva dei costi del lavoro.

La promozione della salute sul lavoro (WHP) è il risultato degli sforzi congiunti dei datori di lavoro, dei lavoratori e della società volti a migliorare la salute e il benessere nei luoghi di lavoro. Questa collaborazione può essere codificata in un insieme di misure, come ad esempio, la flessibilità in termini di orari e luoghi di lavoro, l’opportunità di apprendimento permanente da parte dei lavoratori, il divieto di pratiche non salutari come il fumo, il sostegno al benessere mentale.

Un’organizzazione di successo si basa su lavoratori sani che lavorano in un ambiente favorevole, che giorno dopo giorno affrontano con dinamismo i propri compiti e si impegnano proattivamente per il successo della loro azienda, che diventa un ambiente di vita, un luogo di contenuti e parte integrante della loro cultura.